Quale futuro ci aspetta

Immagine articolo Tiziano Siggillino - Articolo numero 3

Quale futuro ci aspetta?

 

E’ probabile che il dibattito più importante che riguarderà i cuochi, i ristoranti, i prodotti e gli ingredienti da affrontare nell’imminente futuro sarà proprio la Sala ed il servizio in genere.

Lo stato della Sala e l’importanza fondamentale del segmento che tiene insieme la cucina ed il consumatore, il vino e l’appassionato, il piatto ed il cliente, il formaggio ed il gourmet: il racconto, il servizio, la cura, la cortesia, il dialogo ed il rispetto sono i requisiti più importanti del futuro del nostro settore.

Quindi, qual è la sfida? Chi farà la differenza? Cosa serve?

Investite tempo e risorse in Sala, per la formazione di personale altamente qualificato addetto all’accoglienza, al servizio di un piatto e di un vino.

Negli ultimi vent’anni è nato un esercito di cuochi italiani appassionati e capaci, e un paniere senza fondo di prodotti del Bel Paese di qualità assoluta, adesso manca la parte più importante, perché senza servizio e senza racconto non si producono ricavi e ricchezze, da cui dipende la sostenibilità di ogni azienda.

Umiltà e professionalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *